Diamo i Numeri – Inter, girone di andata 2014/2015

Ripropongo un po’ di numeri, rubrica inaugurata l’anno scorso ed apprezzata da alcuni, magari aggiungono qualche spiegazione a quello che abbiamo visto quest’anno oppure no. Buon divertimento.

(cliccare sui grafici per ingrandire)

Grafico 1 e 2  punti, goal fatti e subiti in esterna ed interna e relative medie in esterna ed interna.

andata goal e punti 1

andata medie goal e punti 2

Chiudiamo con 26 punti,proiezione finale infima 52,9 che nonostante l’abbassamento generale dei punteggi rispetto allo scorso anno non garantirebbe l’accesso alla Europa league.  Goal fatti 29 subiti 25 con saldo “ultranegativo” in trasferta, dove si vince anche poco.

Il dato sembrerebbe parlare di un problema in esterna dove peraltro la media punti e` di 1.1 (quindi media inglese), mentre in interna e` 1.7, ben al di sotto dell’ideale/utopico 3 se si vincesse sempre. Quindi il vero problema e` l’incapacita` prima di tutto di far valere il fattore campo a S. Siro, di certo non un fortino inespugnabile. Il Napoli l’anno scorso e` stato terzo con 78, quest’anno serviranno  meno punti, quindi risultati vicini alla media inglese (76 punti) avrebbero garantito di lottare per la champions.

Sui goal, si segna di piu` in casa ma sarebbe bene scorporare i 7 tutti insieme con il Sassuolo che drogano la percezione di insieme.

Grafico 3, andamento: si vede la schizofrenia di una squadra che non trova mai la continuita`, ormai da due anni non ci sono piu` di due vittorie consecutive e si denota la generale incapacita` di fare risultato pieno con le squadre abbordabili. Possiamo poi osservare come siano poche le partite con il clean sheet, senza subire goal e come quest’anno in un paio di match ne abbiamo presi ben 4, cosa estemporanea per noi nel recente passato.

andata andamento 3

Grafico 4 esito partite ESTERNE/INTERNE: risultato piu` battuto e` il pareggio poi  6 vittorie (due sole fuori) e gia` 5 sconfitte.

esito 4

Grafico 5: Andamento ed esito finale  delle partite a seconda se si passa in vantaggio o svantaggio (in svantaggio linea tratteggiata in corrispondenza dei 0 punti ipotetici attribuiti):

vantsvant 5

10 volte in svantaggio (col Napoli doppio ma conteggiato come singolo), 4 perse 6 pareggiate nessuna vinta, 1 in vantaggio persa (udinese).

Partita col verona in svantaggio ma poi completata la rimonta sino a 2-1 alla fine raggiunti sul 2-2, insomma mai ribaltata una partita completamente e troppe volte, oltre il 50%  delle partite in svantaggio e spesso troppo presto, mettendo le partite in salita.

Grafici 6 e 7:  Marcatori Inter in casa e fuori e distribuzione per partite. Dei (26) giocatori impiegati hanno segnato in 9 e mancano all’appello i goal attesi da Palacio e qualcosa da alcuni centrocampisti, in particolare Guarin e Hernanes.  Migliore marcatore  Icardi 10 goal (2 soli in trasferta), con media 0,52, un goal ogni due partite ma di fatto distribuiti con una tripletta ed una doppietta in 7 partite delle 19 giocate (tutte) , 36 % dei match. Goal su azione per la cronaca sono 20, 4 sono generati da corner 2 rigori e tre da punizioni/situazioni a palla ferma.

marcatori andata casa e fuori 6

distribuzione marcatori andata 7

Grafico 8: goal presi ed errori, a mio insindacabile giudizio ho mappato quelli che sono frutto di errori veramente pacchiani (barra rossa 10, circa il 40% del totale goal subiti) tipo lisci, deviazioni improvvide movimenti sghembi, paperacce etc. Tutti errori su azioni, non su palla ferma dove sembra comunque che ci siamo sempre difesi a dovere.

goal presi vs errori 8

Grafico 9: medie pagelle, questo e` quanto generato in modo molto capriccioso dalle pagelle che ho attribuito giornata dopo giornata (le presenze sono le barre gialle). Sono stati impiegati 26 giocatori ma alcuni in talune partite per pochi minuti tanto da non permettermi di attribuire un voto. Come si vede dalle barre verdi solo due giocatori Bonazzoli ma su una sola partita e Kovacic su quasi tutte le partite giocate hanno in media la sufficienza. Mateo e` quindi il mio giocatore del girone di andata con media 6 (sciala popolo). Questo alla faccia di chi dice che me la pigliavo sempre e solo con “Mazzarro”, son piu` stretto con i voti del mio professore di lettere delle superiori.

extra

 

INTER-Torino 0-1, scornatissimi

toro

(Temporada 2014/15, 25 Gen.)

26

Il match

Un’altra partitaccia, seppure come ultimamente almeno tentando di giocare. Si alterna con quella “gloriosamente” vinta in coppa Italia, peraltro con la facilitazione della superiorita’ numerica, e segue quella di Empoli dando una inquietante continuita’ di brutte prestazioni.  Almeno in campionato, dove le due partite apparentemente evidenziano problemi diversi, se ragioniamo sull’atteggiamento tattico completamente opposto dei due ultimi avversari: tanto aggressivo ed asfissiante l’Empoli, quanto denso e compatto e dietro la linea del pallone, asserragliato negli ultimi trenta metri, il Toro. In realta’ i problemi sono sempre gli stessi, ovvero la lentezza, il modo compassato di giocare senza velocita’ o almeno cambio di ritmo, il toccare troppe volte la palla ed il prenderla sui piedi invece che negli spazi, la mancanza di un play che inizi l’azione e dia i tempi, e a proposito, Brozovic che a me comunque piace non e’ quel tipo di giocatore. Poi, l’incapacita’ di stare ben corti e portare un pressing di squadra, con quella cattiveria tipica dei grandi team che anche nelle giornate negative con le buone o con le brutte, magari a folate, ti permette di prendere i tre punti. A questo atteggiamento si son ben presto (troppo presto) allineati anche i nuovi e possiamo ufficialmente affermare che e’ finito l’effetto allenatore nuovo, l’effetto Mancini, senza che il cambio di paradigma calcistico sia (ancora) avvenuto. Come minima attenuante possiamo metterci la fatica da turno infrasettimanale. Poi, lo scomodissimo Toro e la sfiga fanno il resto, inclusi due cambi per infortuni simili che impediscono buona parte delle necessarie correzioni ed infine un goal beffa sull’unica abilita’ vera che in termini offensivi l’avversario di giornata avesse quest’anno dimostrato, a palla ferma e peggio, all’ultimo secondo. Rischi della marcatura a zona sui piazzati, possiamo discutere all’infinito se sia meglio questo atteggiamento o lo stare ad uomo che ne comporta altri. Lo so che mi ripeto , pero` e` difficile trovare altre chiavi di lettura, per quelle attendiamo fiduciosi.

Pagelle

Voto alla squadra: 5

Handa 5,5

Un solo tiro in porta prima del goal, nel qual caso la palla è veloce e probabilmente non hai possibilita’ di intervenire.Sul fatto di prendere goal in area piccola comunque non si puo` sorvolare.

Andreolli 5,5

Fino allo stiramento il solito, senza fronzoli ma anche senza particolari qualita’

Vidic 6

Sei, anche se per larga parte della partita non avevi avversari, comunque puntuale nelle letture e chiusure, piede “mediamente” ignorante che non permette l’inizio dell’azione

Ranocchia 5

Claudicante, e vabbe’, ma certi appoggi sbagliati ad un metro o il farsi talvolta battere fisicamente da Maxi Lopez mi pare troppo.

Donkor 6

Cambio di fortuna, fuori ruolo, eppure te la cavi con una buona personalita’ e grazie al passo che non difetta

D’Ambrosio 5

Mediocremente in campo sintanto che ci sei. Non parte un cross con il giusto calibro e latitano anche i tempi di gioco

Obi 5,5

Schierato in un ruolo non tuo comunque te la cavi, certo non si poteva pensare che fossi tu a cavarci le castagne dal fuoco, anche se maggior tempismo e precisione nel cross potevi mettercela

Kuz 5

Non dovevi andare ad Amburgo? Primo tempo mi pari il semaforo Cambiasso senza potertelo permettere, secondo qualcosa in piu’ ma l’Inter in mediana deve aver di meglio

Palacio 5,5

Impegno ed alcune buone intuizioni ma siamo lontani da quello che servirebbe

Icardi 5

Troppo poco, rimani nel bunker avversario inutilmente per larghi tratti di partita. Hanno proprio difettato i movimenti a tener palla ed aprire spazi, per la gioia dei detrattori che oggi qualche ragione ce l’hanno

Guarin 6

Sin troppo accorto ma sicuramente uno dei meno negativi, anche se ancora il tempo (di gioco) e lo spazio non sono esattamente il tuo pane ed in quel ruolo e’ “abbastanza” importante

Podolski 5

Statico e quasi indisponente, “sua lentezza” quando ti capita la possibilita’ di armare il cannone che hai nel sinistro

Kovacic 5,5

Brutta partita, troppi tocchi, forzi la giocata quando non devi e non lo fai quando serve, forse ci aspettiamo un po’ troppo che tu prenda la squadre sulle giovani spalle

Shaqiri 5,5

Mah, pare che tu non abbia i minuti partita, vediamo piu’ avanti ma credo che il giocatore sia piu’ o meno questo, buono ma non certo un fenomeno da spostare gli equilibri

Mancini  5

Il paziente sta denotando una qualche crisi di rigetto e direi che sia il caso di trarne le giuste conseguenze, come ad esempio la posizione di Kovacic da far ritornare mezzala per evitargli di prendere palla sempre di spalle alla porta, formando un trio di centrocampo dietro a due ali ed una punta centrale (4-3-3 o 4-5-1 in fase di non possesso). In alternativa il rombo pare il sistema che da piu` garanzie a centrocampo. Poi, si sta infortunando pure il gatto di Appiano, che succede, postumi Mazzarriani o il ritorno di Alfano (non Angelino ma il preparatore di Cuper)?

Empoli INTER 0-0, un passo indietro?

shaq1

(Temporada 2014/15, 17 Gen.)

26

Il match

Diciamolo pure, una partita brutta da parte nostra cosi’ da trovare poco da commentare, ci provo per spirito di servizio. La prima considerazione che mi sovviene e’ che forse era giusto riproporre i dieci undicesimi della formazione vittoriosa col Genoa (squadra che vince non si cambia), magari anche pensando ad un po’ di rotazione in vista della partita di coppa Italia. In linea di principio si, in pratica no perche’ per quello che mi riguarda al netto del turnover Kovacic ed Icardi sono quelli che debbono essere sempre in campo, perche’ possono fare la differenza e per una evidente necessita’ di valorizzazione. Il primo entra, ma quando non titolare non ha ancora la cattiveria per capitalizzare il minor numero di minuti a disposizione. Il secondo ieri si e’ imbattuto in una giornata sbagliata, complice il rendimento complessivo della squadra. Palacio o Podolski sono alternative di emergenza a Maurito, con Osvaldo giustamente per me epurato ci viene a mancare una punta centrale. Sulla partita in se, L’Empoli organizzatissimo come spesso gli capita pressa ed arriva prima sempre, seconde palle incluse, impedisce la partenza della nostra azione da dietro che risente di vecchi difetti, insicurezze e limiti nel giocar palla veloce, massimo a un tocco invece di portarla, oltre alla staticita’ di tutti i protagonisti. Il cambio di gioco che avrebbe permesso di superare il loro pressing alto non fa parte del nostro bagaglio tecnico. Il nostro pressing e’ di nuovo individuale e disorganico.La partita e’ tutta in questo discorso oltre al fatto che i nuovi non incidono piu’ di tanto. Archiviamo ed accettiamo un punto guadagnato, non si e’ perso e non si son subiti goal, minimalista ma di piu’ non c’era.

Pagelle

Handa 6

Ti stai “Guarinizzando”, ad una bella parata corrisponde una uscita improvvida o un appoggio a beneficio degli avversari, fatta la tara meno del sei pero’ oggi non viene.

Campagnaro 5,5

Vecchio bucaniere e mestierante cui l’arbitro nei primi minuti al terzo fallo consecutivo risparmia il giallo permettendoti di portare a casa la cotenna.

Vidic 6

Buona gara anche oggi, il piede non e’ vellutato per far partire l’azione ma non e’ che fossimo abituati meglio.

Ranocchia 6,5

Il migliore dei nostri sintanto che in campo, con ottime chiusure su gente con tutt’un altro passo.

Andreolli 5

Entrato al posto di Ranocchia, bah piu’ che spazzare la palla non fai.

D’Ambrosio 5,5

Alcune chiusure ottime dietro, impreciso e confusionario in fase di spinta

Medel 5,5

Non perdi la testa ma neanche brilli sia in combattimento che e’ roba tua che in impostazione.

Palacio 5,5

Il primo tempo e’ da Palacio, l’unico che si muove, nel secondo l’oblio.

Icardi 5

Hai voglia a chiedere che non buttino la palla e pressino, non accade e finisci nelle spire degli avversari senza una palla giocabile.

Hernanes 5,5

Un sacco di scelte sbagliate ed improvvidi tentativi di dribbling da parte dell’unico che forse aveva un millimetro di spazio.

Guarin 5

Reminiscenza del pazzo che fu, dribbling in area nostra? Aiuto! Male anche in mezzo al campo dove non distribuisci a dovere, un solo break di rilievo, poco proprio poco.

Podolski 5

Rispetto alle prime due partite molto statico e poco incisivo.

Kovacic 5,5

Troppo lento a carburare e a prenderti la squadra sulle spalle, devi imparare ad incidere anche entrando a gara in corso.

Shaqiri 5,5

Qualcosina si e’ visto ma non e’ che personalmente impazzisca per questo tipo di giocatore brevilineo e tracagnotto con un piede solo. Speriamo bene.

Mancini 5,5

Come detto, forse ci sta di confermare una squadra vincente ma per me giocano Kovacic e altri 10. I cambi, dovendo alzar palla togliere un pur deludente Icardi e lasciare Palacio con lingua di fuori non mi e’ parso il massimo. Una controprestazione ogni tanto ci puo’ stare, vediamo le prossime.

INTER Genoa 3-1, so far so good

 

interb

(Temporada 2014/15, 11 Gen.)

25

Il match

E’ la differenza tra un allenatore che trasmette solo ansia e timori rispetto ad uno che infonde mentalita’ aggressiva, sinanche spregiudicatezza e fiducia, lanciando segnali inequivocabili alla squadra; come ad esempio schierare quanto piu’ possibile i giocatori di maggior qualita’ chiedendo loro di aiutare il gruppo, di sacrificarsi in compiti oscuri e faticosi, se del caso di adattarsi in posizioni e ruolo non propri. Tutto questo ed altro abbiamo visto ieri, forse nel miglior spezzone di partita di questo nostro campionato, nel primo tempo. Si, perche’ questa squadra a quanto pare oggi non riesce a sostenere ne sul piano dell’applicazione mentale ne su quello fisico lo sforzo richiesto per tutto il match. Pero’ l’approccio e’ quello giusto, si comincia a vedere gente che la da via di prima e che corre “non a vuoto”, una compattezza sconosciuta sino a un mesetto addietro. Riscopriamo anche qualcuno che sembrava perduto, o mai pervenuto. Ci voleva coraggio, competenza e personalita’, quello che ha portato in dote Mancini, oltre alla capacita` di convincere giocatori di buon livello a venire a Milano ad abbracciare quello che finalmente sembra un progetto, di un club si sempre di grande e antico fascino ma comunque un po’ in disarmo.  La strada e’ molto lunga e aspettiamo le riprove, la continuita’, a partire sin dalla prossima gara. Mi urge ad ogni modo un cordiale saluto ed abbraccio “solidale” agli orfani lacrimevoli di Mazzarri, saranno disperati. Io, non ne sento proprio la mancanza.

Pagelle

Handa 6

Comme ci comme ca’, una buona parata all’inizio, poi un’uscita alta ad minchiam, poi una bella parata ma su un tiro generato da un tuo appoggio errato, chiodi ai piedi “as usual” quando dovresti uscire su palloni alti e lenti e non impeccabile sul goal.

Campagnaro 5,5

Ne capisco il senso tattico ma oltre a questo c’e’ poc’altro, in un caso ti fai anche gabbare in area dal tuo avversario diretto che per poco non costa il goal. In attacco poco incisivo.

Vidic 6,5

Buona partita, discreta pulizia nel dirigere la difesa e goal sul finale che scaccia brutti presagi e fantasmi. Attendiamo verifiche piu’ serie al cospetto di attaccanti di una certa caratura. Partite ne avrai, stante la squalifica di J.J.

Andreolli 5,5

Mah, non ci sono grossi errori, solo un po’ di Gambetta tremebonda nel giocare la palla ed un paio di imprecisioni veniali,oltre ad aver cercato di sopprimere il mister.

D’Ambrosio 6

Spinta buona, discreta posizione e marcatura. Di meglio al momento non abbiamo.

Medel  6

Da combattimento, come nelle migliori giornate.

Palacio 6,5

Ben tornato, grande primo tempo con movimenti ottimi e goal. Mezzo morto nel secondo tempo, cambio giusto .

Icardi 7

Qualcuno forse non se ne accorge ma tu sei in costante e sicura crescita, uno dei pochissimi ad altissimo potenziale che piano piano si va completando, sordo alle critiche di una parte di tisoferia e peggio ancora di certa stampa vai avanti per la tua strada. Si chiama carattere.

Hernanes 6

La sufficienza e’ per l’applicazione in un ruolo non tuo dove non fai benissimo ma cresci con il passare dei minuti. Poi scoppi anche tu, in ritardo di condizione.

Guarin 6,5

Gran gara in larga parte da mediano. Ci voleva il coraggio di Mancini a mettere uno sciagurato in quel ruolo. Partita quasi perfetta con qualcuna delle usuali estemporaneita’, ma forse perche’ responsabilizzato dalla posizione in campo, meno cagate del solito.

Podolski 6

Primo tempo solido, secondo in debito di ossigeno. A Pallone sai giocare, si vede molto bene, gran piede, tempi, posizione e fisico.

Kuz  6

Entri nel momento di maggiore difficolta’ e dai una mano a ricompattarsi e fare densita’.

Obi 6

Buona corsa ed un paio di pressing portati molto bene a riprendere palla alti.

Khrin sv

Mancini  7

Quando ho letto la formazione ho avuto un attimo di smarrimento e ho afferrato la boccia di birra e tracannato. Mi sono riavuto nei primi minuti di gara quando ho visto che funzionava, eccome. Scherzi a parte, il cambio di rotta mi pare evidente. Bene anche la lettura della partita e le correzioni in corsa, cambi compresi.

Juve- INTER 1-1, Avanti tutta!

roby4

(Temporada 2014/15, 07 Gen.)

22

Il match

Nella partita piu` complicata del campionato ti viene a mancare uno dei giocatori su cui conteresti di piu` (anche se quest’anno in pratica non c’e` quasi mai stato) ed il tuo piano tattico di riserva salta come un tappo di champagne dopo meno di 5 minuti, come ormai sempre succede. Gara in salita. Quelli corrono come assassini e non danno respiro in alcun settore di campo. Manifesta superiorita` tecnica ed atletica. Qui finisce a schifio, pensi. Si perche` nel primo tempo a parte dieci minuti dopo il loro goal, dove non si capisce se siamo noi ad avere il pallino o loro a lasciarcelo per partire in transizione, facciamo acqua da tutte le parti. Comunque, anche in difficolta` estrema, si scorge il pervicace tentativo, forse romanticamente utopistico, talvolta ancora come singoli piu` che come squadra di eseguire quanto comandato dal coach. Provare ad iniziare a giocare da dietro anche sotto un pressing feroce, la volonta` di stare alti e corti ed a nostra volta pressare. Tutto questo al netto dei limiti di alcuni interpreti che mi ripeto non sono tecnici ma piuttosto di caratteristiche, cui si sta cercando di mettere rimedio col mercato di riparazione. Le giuste correzioni di assetto ed il cambio che porta Podolski in campo, oltre al calare della Juventus e il mantenimento di quella pervicacia che pure si era vista nel primo tempo, fanno il resto, tanto da lasciarci l’amaro in bocca per una mancata vittoria. Io guardo piu` che al risultato al cambio di mentalita` e di approccio che sta avvenendo in un ciclo di partite non banali: Milan, Roma, Lazio, Juve, dove la sola nota veramente stonata e` la sconfitta con l’Udinese e ricordo a tutti che la classifica attuale e` figlia di quanto accaduto prima molto piu` di quanto stia accadendo con Mancini, con il quale quanto meno siamo tornati a divertirci e a vedere un’idea di gioco.

Pagelle

Handa 6,5

Almeno un paio di parate stilisticamente discutibili pero` ci tieni a galla nel primo tempo e nel secondo, con quella sghemba parata su Pirlo.

Campagnaro 5

Ti pesano i quadricipiti per troppo Asado, ogni volta che ti puntano da quel lato e` un incubo.

Ranocchia 4,5

Primo tempo inguardabile tra appoggi sbagliati e coperture inadeguate, oltre a farti sfilare Tevez dietro sul goal.

Juan 4,5

Come Ranocchia, ed ancor di piu`, va bene stare alti ma a volte sei in zone di campo inspiegabili o fai cose inspiegabili. L’unica buona e` la gomitata alle gengive di Chiellini.

D’Ambrosio 6,5

Uno di quelli che non affoga nel pressing bianconero, anzi reggi botta per tutta la partita e nelle due fasi, solo all’inizio qualche incertezza.

Kuz  5

Anonimo e non pervenuto, al cospetto dei giganti del centrocampo juventino realmente inadeguato.

Medel  4,5

D’accordo la giocata del tuo amico cileno ma pare un po’ troppo facile come la concedi. Soliti limiti in impostazione.

Kovacic 6

Primo tempo a remare, secondo in cattedra e rosso per troppa garra, cosa che ti veniva rimproverato mancasse. Io preferisco la grinta anche improvvida alla mollezza, sempre e comunque.

Icardi 6,5

Primo tempo isolato a correre e pressare tutti e non tocchi palla. Secondo affiancato da un’altra punta tutta un’altra cosa. A parte la palla non data al pazzo, troppo importante il goal che ci mette sul pari.

Hernanes 6

Seppure a modo tuo, non naufraghi e suoni la carica.

Guarin 5,5

Non e’ l’impegno che difetta ma la testa che suggerisce anarchia e scelte sbagliate allo stato puro. Tuo comunque l’assist sul goal.

Podolski 6

Non capisco bene come ma un impatto quando entri ce l’hai, non fosse altro perche’ affianchi Icardi e crei maggiori problemi alla linea arretrata gobba anche nell’iniziare l’azione.

M’vila SV

Osvaldo 4

Il voto per la sceneggiata napoletana di cui non si vedeva proprio il bisogno.

Mancini  7

Moratti diceva che di te apprezzava il coraggio ed io condivido. Corrette ideologicamente le scelte iniziali che le caratteristiche degli interpreti  pero’non aiutano. Giusti i cambi, bellissimo quello per vincere la partita inserendo Osvaldo, poi gli attuali limiti non consentono il colpaccio.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: