Numeracci part -2

Seconda puntata dedicata ai numeri del nostro ultimo campionato, riflettore questa volta sui giocatori, attraverso la mia lente personale e qualche dato (cliccare sui grafici per ingrandire).

LE MIE PAGELLE.

num1

Tabella 1. le mie pagelle, un dato quindi capriccioso e figlio del mio gusto personale: sono stati impiegati 34 giocatori ma alcuni a mio giudizio non hanno raggiunto un minutaggio in partita per prendere un voto. Le presenze si leggono sulla scala sul lato destro e sono rappresentate con la linea gialla, le barre arancio sono la media voti e la scala quella a sinistra. Icardi tra coloro che hanno giocato un numero significativo di partite (36 presenze e 34 in cui gli ho assegnato un voto) e` l’unico a raggiungere la sufficienza media. Certo un attaccante ha a suo vantaggio il fatto di segnare che anche in partite non bellissime magari gli vale il 6,  in particolare quando il goal segnato si traduce in punti. Dopodiche` il diluvio, a parte il giovane Gnoukouri che con un paio di presenze piglia il 6 e Bonazzoli con un unico voto i cosiddetti titolari non arrivano alla sufficienza su base annua.

ANDAMENTO VOTI PER REPARTO

num2

Tabella 2. -Attacco

L’andamento voti  del pacchetto avanzato, mostra come lo stesso Icardi delle 36 partite sia insufficiente in una dozzina e la sua media risenta di punte alte di rendimento. Almeno non ci sono partite totalmente indecenti. Tutto e` relativo ovviamente. Icardi e` imcomparabile nonostante tutte le critiche che possiamo muovergli con gli altri attaccanti: Osvaldo prima della sua dipartita non era stato questo grande fenomeno, i due innesti nuovi c’han fatto il solletico ( Podolski e Shaqiri) e Palacio comincia a giocare da par suo con continuita` solo nelle ultime 8 giornate di campionato (tanto e` costato un mondiale giocato per forza su una caviglia malandata).

num3

Tabella 3. – Difesa e portiere

Il pacchetto difensivo e` a dir poco Fantozziano, ho qui rappresentato i giocatori piu` significativi e maggiormente impiegati.  Guardando questi dati non si fa fatica a capire come i difensori, portiere incluso abbiano inciso negativamente sulla stagione, ognuno di loro alternando prestazioni horror (una volta e` Ranocchia, una JJ ed un’altra Handa o Vidic) che hanno avuto un impatto devastante. L’incostanza del portiere e` proverbiale. Ma, e` cosi` vero che e` solo la difesa o qualcosa da dire c’e` anche sulla “fase difensiva”, cioe` come si muove nel complesso la squadra? La seconda di certo pesa, se guardiamo alla prossima tabella, quella dei centrocampisti.

num4

Tabella 4. – Centrocampo

Reparto nevralgico il centrocampo. Nel nostro caso  da nevralgie… Mediamente un po’ meglio del pacchetto difensivo ma con punte di aberrazione nelle due fasi da definire incresciose. Non si salva nessuno, nemmeno in presenza di qualche prestazione stellare come nel caso di Kovacic, Guarin o Hernanes. Troppa la discontinuita` di rendimento.

I MARCATORI

num7

Tabella. 5 – Marcatori.

E vabbe`, Icardi 22 goal lo si sa, ha segnato il 37,2% dei goal della squadra che non sarebbero in totale neanche pochi, non fosse perche` come ricorderete dalla puntata precedente (Numeracci part 1) ne abbiamo presi quasi altrettanti. Da notare finalmente un discreto contributo dei centrocampisti (Guarin,Kovacic, Hernanes 16 goal in tre). Insufficiente Palacio che ci aspettavamo almeno in doppia cifra e si ferma a 8.

num5

Tabella 6. Distribuzione Marcatori per partita (in casa o fuori)

Cominciamo inevitabilmente da Icardi che segna i due terzi dei suoi goal in casa (14 in 9 partite, ) ed 8 senza doppiette o triplette fuori. Palacio ne fa’ pochi in casa e pochi fuori 4 e 4 e poi ci sono gli altri, da notare Kovacic con tre in trasferta. Unici giocatori in grado in una sola partita di fare piu` di un goal sono Icardi, Guarin e Hernanes.

num6

Tabella 7. I goal di Icardi verso l’esito delle partite

Ultima lente di ingrandimento sui goal di Maurito e la loro incidenza sui punti, chiaramente un’analisi da prendere con le molle e comunque dati da “relativizzare” . Con le barre verdi sono rappresentati, mettendoli in relazione con il risultato finale, quei goal in quelle partite che hanno portato punti alla causa (3 o anche 1 punto), che hanno avuto un impatto significativo. Con le barre gialle quelle partite in cui il goal potrebbe essere stato ininfluente se si e` vinto o comunque non ha portato punti, si e` perso. Ad esempio I goal con la Roma in casa o la Sampdoria in casa sono decisivi per i tre punti, come quello con la Juve a Torino vale un punto, mentre il goal con L’udinese in casa non ci evita la sconfitta. Con il Sassuolo si vince 7-0 e seppure segni il primo ed il terzo goal quindi incanali la partita non gli ho assegnato punti . Sulla base di questo ragionamento, i goal di Mauro valgono circa 30 punti (dei 55 totali) piu` della meta` di quelli fatti dall’Inter, segnando in 17 partite (quindi quasi ogni due partite, il 47% delle stesse). In alcuni casi, se “in un modo o nell’altro” Icardi fa’ goal in casa con i gobbi e poi Medel, Vidic e Handanovic ci fanno perdere la partita non e` di certo per colpa sua. D’altra parte non ho fatto un conteggio delle occasioni sciupate che pure ci sono state (ad esempio con la Roma in casa prima del goal decisivo). Se pero` mettiamo in relazione il dato dei goal, 12 volte o 12 partite  decisivo per il risultato, con i voti presi dal ragazzo in stagione (le prestazioni)  intuitivamente possiamo capire come le situazioni in cui abbia veramente inciso in modo negativo sul rendimento della squadra siano state poche.

Lo dico basandomi su questi numeri, se poi l’osservazione riguardasse aspetti quali la manovra e il contributo alla squadra, il modo di stare in campo, allora la faccenda potrebbe cambiare ma mi permetto dire che rientreremmo nel campo dei gusti e dei pareri, tutti leciti.

Il mio e` che in un’annata con una squadra cosi` disgraziata uno che segna 22 goal, sia degno di grande considerazione, a 22 anni.

Numeracci -part 1

A conclusione di questo grottesco campionato mi pare opportuno ripercorrerne le tragicomiche tappe sulla base dei numeri che ho raccolto. Ne ho talmente tanti che lo faccio in piu` puntate, questa prima e` dedicata di  al rendimento di squadra, la prossima sara` sui protagonisti. Ricordatevi di cliccare sui grafici per ingrandirli. Buona visione.

15 table1

Table 1. Punti fatti  in interna ed esterna e media. 55 totali, appena meglio della proiezione e fine girone di andata (26 punti, e 53 finali di proiezione). Molto sotto quella media inglese che quest’anno avrebbe significato Champions league nettamente (76 punti contro i 70 della Roma). Peggio delle ultime stagioni chiuse con 59 e 60 punti (che sarebbero valsi un sesto posto, l’anno scorso con 60  fummo quinti, segno del livellamento del campionato nelle fasce medie).

Problema evidente le partite in casa dove la media punti scende da 1,7 del girone di andata a 1,3 del girone di ritorno. Non basta il rendimento migliorato molto fuori casa.

Come ovvio per una squadra di scarsa personalita` e` piu` facile esprimersi fuori da S. Siro, campo notoriamente abitato da tifosi difficili. Inoltre le lacune tecniche tattiche e mentali non aiutano di certo quando si tratta imporre il proprio gioco contro avversari che si difendono e fanno densita`. Il Meazza e` stato terreno di conquista per molti, se e` vero che la classifica si costruisce cominciando dal fare del proprio stadio un fortino…

Brutalmente, non ci sono miglioramenti, si potrebbe dire, per me solo da un punto di vista dei punti e non quello del gioco dove la mano di Mancini si e` vista. Il cambio allenatore e gli innesti non hanno portato piu` punti, questo ha dato fiato agli oscurantisti mazzaristi.

L’inter di Mazzarri e quella del Mancio hanno dati paragonabili, come medie punti: 1,45 il primo 1,44 il secondo.

15table2

Table 2. L’andamento dall’inizio del campionato segna la continuita` con quello precedente ovvero, passatemi il gioco di parole, una discontinuita` nell’ottenimento di risultati positivi in serie, in particolare  le vittorie sino ad arrivare dopo circa due anni finalmente a metterne a segno tre di fila, e poi precipitare di nuovo con una sconfitta in casa con la Fiorentina, come ogni volta che si doveva spiccare il volo. Il trend, la barra tratteggiata azzurra, ne e` la conferma. Il miglioramento e` visibile nel medio e lungo periodo ma e` veramente contenuto, nell’ordine dei decimi di punto. Pesano moltissimo i pareggi e le sconfitte con le piccole e anche retrocesse: Parma, Cagliari, Cesena, Chievo.

15table3

Table 3. Esito partite in interna e esterna: dato che si commenta da solo, 11 sconfitte –viola  (5 interne) 13 pareggi – blu e solo 14 vittorie – giallo, rendimento in casa da codice penale.

15table4

Table 4. rappresenta in punti l’esito finale delle partite quando passati in vantaggio o svantaggio: si nota l’ incapacita` di tenere risultati o ribaltare partite quando in svantaggio:Una sola ribaltata completamente con la Lazio all’Olimpico, 3 partite perse quando in vantaggio, Juve e Udinese in casa e Genoa fuori (due volte in vantaggio). Una dove si era in vantaggio chiusa in pareggio (Parma in casa).  7 partite da svantaggio a pareggio includendo il Verona in casa dove si era capovolto l’esito sino al vantaggio (quindi siamo andati in svantaggio in 15 partite) e  8 perse una volta in svantaggio.

15table5

Table 5. Goal fatti e subiti: Abbiamo preso una barca di goal, 48, con un dato molto simile in esterna (25, 12 andata e 13 al ritorno, e interna 23, 13 all’andata e 10 al ritorno). Piu` di un goal a partita (1,23), segnando molto 59 goal (26 esterni e 33 interni), 1,55 a partita. Il differenziale presi/subiti + 0,32, dice delle difficolta` a fare risultato pieno e dell’altro numero dei pareggi. (13). Da tenere presente che andrebbero pesati i goal (7) rifilati in un’unica soluzione al Sassuolo a Milano che sempre 3 punti son valsi (come se si fosse vinto con minor scarto).

15table6

Table 6. Andamento goal  fatti e subiti, non c’e` pace ne stabilita` anche se sono rari i casi che non si segna e rarissime le partite che finiscono 0-0 (4). In 9 non si e` segnato (5 perse). Altro dato inquietante, solo 11 partite con il clean sheet, ovvero senza subire almeno un goal.

15table7

Table 7. Dei 48 goal presi 16 nelle varie situazioni di gioco (Azioni, Corner, Rigori , Punizioni) sono stati generati da errori marchiani dei nostri, parliamo di incomprensioni grossolane, passaggi indietro improvvidi, giocate surreali, lisci…tutto cio` che e` indiscutibile almeno per me.  Piu` di un goal su tre (siamo al 33,3 %) evitabilissimo.  ad un conto della serva son costati 15 punti in meno! E` importante rimarcare come non sempre si tratti di errori imputabili al reparto piu` sotto accusa, la difesa. Talvolta e` vero ma in altri casi c’e` un contributo  di errori inviduali provenienti da altri reparti, centrocampo e portiere ad esempio, altre e` un atteggiamento di squadra dove il numero degli errori consecutivi (riportato come singolo episodio) rende persino impossibile identificare un solo colpevole.

Continua prossimamente…

Inter – empoli 4-3, rompete le righe

imagesCANDE9GV

Temporada  14/15, May 31

55

Il match
Serata al mare sfruttando il ponte lungo, riapertura casa estiva e come ti sbagli? parabola che non funziona, finto menefreghismo davanti ad una croccante frittura di pesce e boccia di rosato d’ordinanza. Costretti, io ed il cognato interista su SKYGO che mortacci loro decide per l’occasione di andare e venire, il segnale, non il tablet che le gambe non le ha. Insomma una grottesca rivisitazione di “UGO” che cerca di capirci qualcosa, e siamo in due…chi cacchio sono quegli omini che sgambettano qua e la “allegramente” finalmente in maglia classica neroazzurra? Ah si, quello e’ Icardi che si magna un goal l’altro il trenza che calcia in porta, cci sua si ‘e decentrato…Partita, cosa vogliamo dire di quello che ci abbiamo potuto capire? L’empoli e’ il solito organizzato e compatto con voglia di mare, l’Inter forse di montagna e il primo tempo va via cosi’, noi che tentiamo di fare gioco e loro a pressare e ripartire, o a provarci. Nel secondo punte e Mateo imbasticono finalmente un paio di azioni degne di nota a trovare la profondita’ alle spalle di una difesa empolese sinanche troppo alta e in dieci minuti siamo 2-0. Pare fatta ed invece in altri dieci minuti di rinculare, tremebondi, fuorigiochi falliti, gente saltata come birilli e anticipi improbabili, rimpalli, ci ritroviamo 2-2. A riparte la “servelloni mazzanti vien dal mare” (cit Fantozzi) ovvero l’Inter e con un paio di cambi di gioco (udite udite) e compiacenza empolese riandiamo sopra di due. Icardi e’ co-pichici della lega e tanto per gradire nel finale favoriamo la doppietta di uno che sino ad ora in serie A aveva magari fatto un sol goal, Michelidze.
E’ finita, la partita e soprattutto la stagione piu’ brutta degli ultimi 30 anni. Speriamo si tratti di araba fenice, vedremo.

Voto alla squadra: 6

Handa 5
Il goal finale sul tuo palo emblema di una stagione.

Nagatomo 5
Sull’anima il pareggio empolese dove trotterelli tenendo tutti in gioco

Ranocchia 5,5
Sempre abbastanza in difficolta’ ma quello che colpisce di piu’ e’ l’espressione smarrita nei primi piani e l’occhio spento, trattasi di lobotomia?

JJ 5
Incubi, quando tenti l’anticipo una sciagura.

Medel 5
La mente del nostro centrocampo, il fulcro del gioco, spiega assai.

Santon 5
Mamma mia come ti fai saltare facilmente.

Brozo 6
Uno dei pochi che per impegno e caratteristiche in rosa puo’ starci, fai anche goal quindi…

Kovacic 6,5
In crescendo, due assist sui primi goal ed altre giocate di livello.

Hernanes 5,5
Il tablet non favorisce il fatto di scorgerti ma non mi pare una gran partita.

Palacio 6,5
Alla fine uno dei piu’ positivi tra goal e movimenti giusti.

Icardi 6,5
Croce e delizia, due goal che potevano essere 4, un assist, da completarsi ma se veramente discutiamo di te allora gli altri bisogna polverizzarli.

Podolski sv

Di Marco sv

Felipe sv

Mancini 6
Oggi non molto da commentare, la partita conta per quel che conta, niente. Speriamo ti facciano una squadra degna.

Genoa-INTER-3-2, Ma quando finisce?

a48ccb04de7760de00e982af75b51e8a-165-U202182049561h5G-U110950705392aIE-620x349@Gazzetta-Web_articolo

 (Temporada 2014/15, 23 MAY)

52

Il match

E cosi’ facciamo contento anche Gasperini, quello che pretendeva di applicare il suo disarticolato modulo che prevede di correre come lepri per 90 minuti ad un gruppo di campioni sulla parte finale della carriera, nelle sue uniche, solo 5 partite per fortuna, da allenatore dell’Inter. A me la confusione che si genera in campo quando giocano le sue squadre da fastidio, molto, agli occhi. Non mi pare spettacolo, mi sembra casino. Il fastidio poi, si acuisce quando la mia squadra si adegua e perde in men che non si dica le poche coordinate di gioco che il tecnico e’ riuscito a dare. Si asseconda il ritmo avversario invece di spezzarlo, non si cerca di tenere palla come si dovrebbe, non si sta compatti aspettando che quelli come prevedibile si ammazzino da soli, prima o poi. Cosa che e’ puntualmente avvenuta e che nonostante due vantaggi non ci ha permesso di portare a casa il risultato. Oltre alla sfiga dei pali, ma anche loro ne avevano preso uno, pesano ancora oggi le dabbenaggini che consentono all’avversario di rimontar due volte. I pareggi rossoblu sono errori gravi nostri, non possiamo non vederlo e la corsa del Genoa non ha fatto altro che mettere in evidenza di nuovo le lacune, i limiti di molti, a volte fisici, altre tecnici e sincanco di mentalita’, di testa, sui quale ci sara’ ben poco altro da fare se non cambiare gli interpreti.

Pagelle

Voto alla squadra: 4,5

Handa 4,5

Un portiere decente fa poche cazzate e quelle poche giustificate dai particolari frangenti, non e’ il tuo caso.

D’Ambrosio 5

Ormai usualmente attaccato alle spalle con Ranocchia fuori dalla sua area di confort. Lo chiede il coach? Ma se la partita chiede altro?Si dovrebbe prendere ordini dale situazioni non dalle persone.

Ranocchia 4

Abbandonato al tuo destino dai compagni, giochi un incubo di partita dove oltre alle difficolta’ create dal belga ci metti del tuo.

JJ 4,5

Anticalcio, piedi pessimi e cervello ancor di piu’.

Nagatomo 5

Se passo da quelle parti per caso, anch’io ti salto e metto un cross.

Medel 4,5

Tutta sta copertura che devi dare ai centrali non la dai, ci fai prendere il primo goal, impostazione e tempi di gioco non pervenuti.

Kovacic 5,5

Nelle partite da combattimento non esattamente un cuor di leone, almeno i piedi sono abissalmente meglio di quelli di altri.

Brozovic 5,5

Corsa, impegno, imprecisione tecnica e tattica e altro legno.

Hernanes 6

Partita discreta e legno, oltre all’assist del primo goal. Meglio di altri.

Icardi 6,5

Goal, assist e se stai attento ne fai forse pure un altro, ci stava anche il rigore finale.

Palacio 6,5

Il migliore, a parte quando ti sdrai in area che eri lanciato a rete.

Shaqiri SV

Entrato in campo in ciabatte?

Bonazzoli SV

Puscas SV

Mancini 4,5

D’accordo il voler giocare e imporre, certe partite pero’ le si possono vincere anche in modo un po’ piu’ cinico, con attenzione e concentrazione, invece di giocarle a viso aperto con chi corre il doppio.

Inter-juve 1-2, Sliding doors

non vedo

Temporada 14/15, May 16

52

Il match

Queste sono le partite che gradisco meno, perche’ non solo si gioca contro i gobbi che solitamente sono “ostici di loro” e anche nei casi in cui noi avevamo una squadra piu’ forte han sempre dimostrato di avere piu’ corna che un cesto di lumache. Poi in questo caso se non schierano la primavera poco ci manca, partita per loro inutile a cavallo tra una semi di champions e una finale di coppa Italia, con campionato gia’ vinto. In caso vada bene e la vinci, bella forza contro le loro riserve. Se la perdi, gia’ mi tocca sentirli ogni santo giorno con il loro progetto avanzato di triplete e trenta punti di vantaggio in campionato, urge prendere il primo aereo e fuggire all’estero. Ce ne sono alcuni, non parlo di tutti i gobbi perche’ tra loro annovero anche pochi amici e calciofili competenti, che nel selvaggio west avrei di certo eliminato, invece mi tocca solo mandarli affanculo in questo consesso civile, come faccio d’altra parte con gli interisti, o certi di questi che mica sono meglio, anzi. Ne ho gia’ scritto quindi non reitero, passiamo oltre.
La partita, loro molli, a parte Morata che mette davvero paura concedono di tutto e ci fan manovrare, anche troppo semplice. Non fosse che tra le varie occasioni ci annullano un goal buono e comunque siam capaci di una fragilita’ tale da farci male da soli. E cosi’ accade il fattaccio, prima o poi capita che uno dei soliti fessi faccia la cappella. Sono evidentemente sliding doors. Come logica conclusione, dopo un paio di grossi “Spaghetti” presi con l’unico dei loro che poteva creare problemi, sempre Morata, frittatona di quello che vuole giocare la champions. Se lo hanno visto oggi va a finire che purtroppo rifirma. Chi cazzo lo compra? Non c’e’ altro, ci siamo fatti due goal da soli. Se non il pensare che comunque siamo lontani, molto e per come vanno le cose sara’ difficile avvicinarsi anche alle terze linee della Juventus. Sono sliding doors, 5 anni fa la situazione era esattamente il contrario, pare passato un secolo o una bomba che abbia raso al suolo l’umanita’.

Voto alla squadra: 5

Handa 4
Debbo spiegarlo? Ma vattene va.

D’ambrosio 5,5
buona spinta, come al solito, piedi son quel che sono e giustamente poi ti partono dietro le spalle nelle voragini che lasci. Coperta corta.

Vidic 4,5
E come ti sbagli, un paio di buone partite non cambiano il mio giudizio complessivo, poco intelligente, calcisticamente, ovvio.

Ranocchia 5
Morata, chi l’ha visto, troppo veloce.

JJ 5
Energumeno prestato al calcio.

Medel 4
E’ in questo ruolo che serve altro, il passaggio indietro di oggi non c’entra e’che la palla non cammina.

Shaq 6
Buone cose,di piu’ non so se puoi fare.

Brozo 6,5
Una discreta partita, pure due goal uno te lo leva Icardi l’altro l’arbitro.

Kovacic 6,5
A me stai piacendo in queste partite, mi sa che ti vendono presto.

Palacio 5,5
Buoni numeri, due goal un po’ mangiati.

Icardi 5,5
Come Palacio, anche se uno dei due lo fai, non si capisce come.

Podolski sv

Nagatomo 5,5
Bah, un po’ di casino e verve, niente di piu’, ed un paio di cazzate in fase difensiva.

Gnoukouri sv

Mancini 5
Gestione della partita piaciuta molto poco, certo in campo non ci sei tu e se sti pipponi
si suicidano puoi farci poco. Ma i cambi spiegameli perche’ con tutto che oggi ci sono delle assenze e la coperta e ‘ corta non li capisco.

Lazio-Inter 1-2, sprazzi

Macchie

Temporada 14/15, (May 10)

52

 Il match

Di questi tempi con L’inter a “sprazzi” le serate sono strane, iniziano male e poi non si sa come vanno a terminare. Prendiamo questa, goal al passivo sul primo rimpallo su uno stinco che spedisce Anderson in fuga in area Black & Blue. Goal, ovvio. Poi, si reagisce, anche approfittando della disposizione particolarmente alta della Lazio che esalta le abilita` in tagli e inserimenti dei nostri incursori ed attaccanti. Certo, si rischia anche la ripartenza micidiale con Handanovic e Ranocchia che cancellano il secondo goal laziale praticamente fatto, mentre Icardi come ultimamente sta stranamente succedendo non prende nemmeno la porta su una macroscopica occasione. Loro piu`verticali, noi piu` possesso palla e come dicevo i movimenti a dare la profondita` e  i tagli son giusti nei tempi e nei modi, in particolare quelli di Hernanes e Palacio con quest’ultimo che riesce a far buttar fuori l’ultimo uomo laziale ed il grazioso regalo sulla punizione con Medel in fuorigioco ad oscurare Marchetti. La partita comunque e`viva e loro sono pericolosi anche in dieci. E poi pure in nove anzi ancora prima con Klose, ennesimo vecchio  che per una volta non ci purga, nell’unico modo che potevano sostenere, contropiede e cercare dei piazzati.  E se stasera Icardi  ribadisce che non becca bene la porta nemmeno dal dischetto, si rischia di “finire sul giornale”  nella pagina delle barzellette. Alla fine arriva il secondo goal di Hernanes che compensa l’incapacita` di cercare l’ampiezza del campo e ci dona i tre punti, spazzando via fantasmi parenti stretti di quelli di Udine. Finalmente valichiamo la fantasmagorica soglia psicologica dei 50 punti, a tre giornate dal termine. Meglio tardi che mai e con tanti saluti alle sensazioni negative dell’ uomo del televideo del giorno prima e altri che si danno le martellate sui marroni da soli prima ancora che si giochi.

Pagelle 

Voto alla squadra: 6

Handa 7

Come hai preso quella palla a Klose non lo sai nemmeno tu ma tant’e`…

D’ambrosio 6

Un sacco di legna e di legnate, oggi va bene cosi`

Vidic 6,5

Mi sto abituando alla tua presenza (secondo voi sto male? cit.) una buona partita.

Ranocchia 6

Parata in tuffo di testa, vale il 6.

JJ 6

Sufficienza per la fase difensiva, i piedi son quel che sono

Hernanes 8

E che debbo dire, sei entrato in forma a 6 giornate dalle fine e un anno e mezzo di distanza. Per capire che sei un trequartista ci voleva un trequartista 🙂

Medel 5,5

Il gioco lo distribuisco meglio io da casa in pantofole

Guarin 6,5

Peccato, una volta tanto che eri anche concreto e preciso

Brozo sv

Kovacic  6,5

Sinanche troppo giudizioso ma va bene, si riparte dalle cose semplici, alla fine un paio di giocate ottime le regali

Palacio 7

Gran partita e zampino in tutte le azioni offensive chiave

Icardi 5

Che non e` serata per prendere la porta si era visto, il rigore poi peggio non si poteva. E continuo a pensare che il lavoro chiesto per la squadra,ieri ben fatto, ti toglie lucidita`.

Podolski 5,5

Anche cose buone, pero uno a sti livelli non puo` metterci ogni volta mezzora per piazzarsi la palla sull’unico piede.

Nagatomo 5

Ti avrei volentieri menato. Ne avessi fatta una giusta avanti o indietro che sia.

Mancini 6

Il cambio che ci mette 4- 2 -3- 1 non mi e` piaciuto per niente perche` ha levato Palacio dalla zona dove faceva danni e ci ha tolto ampiezza. Comunque son tre punti, andiamo con la prossima.

Inter Chievo 0-0, buonanotte

good night

Temporada 14/15, May 3

49

 Il match

Poi dici che di questi tempi non e’ meglio andarsene al mare o in montagna per il fine settimana, senza curarsi troppo di certe amene vicende. Tanto ogni volta che c’e` uno spiraglio, una minima occasione di non buttare completamente nel cesso la stagione e di provare a giocare la coppetta europea l’anno prossimo, ecco che riusciamo a farci male da soli. In casa in particolare il rendimento ha sfiorato la media retrocessione con entrambi i manager. Abbiamo dato punti a chiunque si sia presentato al Meazza, belli e brutti li abbiamo fatti felici  tutti. Il Chievo ormai salvo, gioca una partita solida e ordinata ma noi non facciamo nulla di sostanziale per prenderci i tre punti. Molto sinteticamente, il contrario di tutto, palla che gira alla velocita`  della lumaca, scelte sbagliate assortite quando si tratta dei gia` lenti passaggi, cambi di gioco inesistenti, palle perse a gogo`, movimenti attesi  ma mai pervenuti. Grinta, cattiveria agonistica e carattere manco a parlarne. E alla fine potevamo pure perderla ed e` triste dire che tanto non sarebbe cambiato nulla.

Pagelle 

Voto alla squadra: 5

Handa 6,5

Quando il  portiere e` il nostro migliore in campo… la dice lunga sulla prestazione della squadra.

D’ambrosio 6

Gran corsa e due piedi uguali…cementificati.

Vidic 6

Piu o meno ti guadagni la pagnotta senza grosse pecche o enormi errori.

Ranocchia 5

Brividi, se segna “Palloski” sul tuo svenimento finale, c’e` l’arresto per direttissima e la condanna con rito abbreviato alla fucilazione.

JJ 5,5

il cross, questo sconosciuto.

Hernanes 5,5

Anche qui  due piedi uguali… per non prendere mai la porta o sbagliare quasi sempre la scelta della giocata.

Medel 5

Da qualche partita oltre alla velocita` di giro palla mai avuta, comincia a mancare ossigeno e corsa, pezzi forti del repertorio.

Guarin 5,5

Un nugolo di giocate sbagliate a fronte di un certo impegno.

Brozo 5,5

Neanche malissimo, sacrificato sul’ altare di un cambio logico per tentar di vincere…io avrei tolto qualcun altro.

Kovacic  5

Ingresso in campo a impatto zero.

Palacio 6

Buona corsa e movimenti, ti spegni piano piano.

Icardi 5

Palle buone non ne arrivano ma la tua partita e` brutta e indolente, a parte il legno preso di testa.

Podolski 6

Impegno e qualche discreta giocata.

Shaq 5

Trottolino alla ricerca di se, puahh.

Mancini 5

Squadra lenta e prevedibile, lo hai detto e hai ragione, ma in una partita che si sa sara` bloccata e difficile, l’ampiezza del campo con gente che non sia uno stopper aggiunto a sinistra e possa spingere no?

 

Udinese – Inter 1-2, grazie Rocchi

Rocchi

Temporada 14/15, Apr 28

48

Il match

Strano, con questo arbitro mi ricordo solo purghe e ingiustizie assortite. Stasera si sara’ confuso per il colore della maglia ed avra’ pensato che in campo ci fosse il Napoli o la Lazio, non certo l’Inter. E questo bianconero di provincia non e’ “fashionable” come quello di qualcun altro. La partita e’ a specchio nel primo tempo ed e’ una battaglia in mezzo, cerchiamo di passare per le vie centrali, ostinatamente, il campo non lo allarghiamo quasi mai con cambi di gioco o cercando i terzini ma si sa che Medel non e’ in grado piu’ di tanto. Alla fine del primo tempo la prima regalia che dovrebbe metterci la partita in discesa: piu’ che la seconda, sacrosanta, e’ la prima ammonizione per lesa maesta’ che stride molto. Ad ogni modo nel secondo tempo, subito omaggio con un rigore inesistente trasformato dal solito signore. Da qui in poi e’ l’elogio della follia, della stupidita’ e pressappochismo. Non ce n’e’ uno che ragioni e sia in grado di capitalizzare e gestire la superiorita’ numerica. Subiamo il pari alla “Ridolini” su una combinazione di cazzate multiple tra Medel, Vidic e bella statuina Handanovic dal pensionato baby di turno. Quando penso che potremmo addirittura perderla, altro suicidio di un ghanese che si mette nelle condizioni di farsi cacciare da quel permaloso di arbitro (quaterna o quanti diavolo sono loro disastrosa). Entra Podolski e segna, non ci si crede. Va bene, loro in 9 e noi in vantaggio, e’ finita. Manco per idea, continua il turbinio di minchiate e ci compenetriamo empaticamente nella eroica sofferenza altrui tanto da quasi farli pareggiare. Non uno e dico uno raziocinante, bastava un Cambiasso fermo in campo a dirigere il traffico e richiamare all’ordine l’accozzaglia in azzurro che dicono fosse l’Inter per uccidere la partita, con quel cinismo che deve essere proprio di quelli che vogliono tornare grandi. Mancanza di cervello e di palle. Le seconde speriamo che a qualcuno crescano, per il cervello purtroppo non si compra al supermercato.

Voto alla squadra: 4,5

Handa 4

Immobile sul goal del vecchietto e con due belle uscite a vuoto, pensavi di giocare ancora con loro o e` stagione di piscina?

D’ambrosio 6

Un carrarmato, con i cingoli al posto dei piedi.

Vidic 5

Inguardabile quando ti sdrai invece di contrastare “Totonno” nostro.

Felipe 5

Mestierante, con falli stupidi che permettono punizioni per buttar palla in aria e creare pericoli nella  tremebonda area interista.

Santon 5

Non ha senso giocando in superiorita’ numerica che anche i terzini si accentrino per poi perdere palla.

Hernanes 5

Basta cazzo, un discreto primo tempo ma poi troppo incaponirsi nel tenere palla e non scaricarla mai a tempo. Ti mangi pure un paio di goal.

Medel 4

Inguardabile in  quello che e’ il tuo punto forte, contrasto e recupero palla. Allan al tuo cospetto un gigante.

Gnoukouri sv

Guarin 5,5

Palle perse in uscita come sempre e varie imprecisioni ma anche la sensazione che tu sia quello che puo’ dare in qualsiasi momento lo strappo decisivo.

Kovacic  6

l’unico decente dei centrocampisti, piu’ saggio e meno lezioso degli altri, ovviamente gia’ bollato come pippa al superlativo dagli scienziati del calcio chiacchierato nei bar, veri o virtuali, alla veneranda eta’ di 20 anni. Quelli che per essere aggiornati leggono le notizie al televideo dell’altro ieri e pensano sia un’ultim’ora, beata insipienza.

Palacio 5,5

Ma quando tiri? una serie inifinita di imprecisioni  vicino alla porta, e colpi di tacco, quello che ci fa’ perdere palla alla fine e per poco loro non segnano da codice penale.

Icardi 5,5

Glaciale sul rigore ma non basta, meno efficace di altre volte.

Podolski 6

Era ora.

Mancini 5,5

la gestione della partita ha del grottesco, in campo ma anche in panca, alcuni che dormivano andavano cambiati prima.

Inter-Roma 2-1, il coraggio di provarci sempre

image

Temporada 14/15, Apr 25

45

Il match
Il coraggio, la sfrontatezza e la voglia di provarci sempre, talvolta in un modo che per alcuni puo’ rasentare la follia. La differenza fondamentale tra Roberto Mancini e il suo predecessore e’ esattamente questa, la capacita’ di trasmettere segnali positivi ai giocatori, quella pazzia mista a talento e personalita’ che ne fanno un vincente, capace di affascinare e ottenere fiducia e consensi anche nei momenti piu’ bui, anche quando sbaglia. Perché gli errori li commette anche lui. Se poi l’uomo comune e qualunquista gradisce di piu’ qualcuno a lui simile e solidarizza con l’allenatore della porta accanto, quello che tutti i giorni incontreresti al supermarket a comprare due etti di mortadella e un fiasco di Chianti,non possiamo farci niente. Non capira’ mai, quindi lasciamolo perdere, lui e i suoi commenti. Era piu’ importante questo cappello del parlare della partita che possiamo riassumere in pochi fatti. Ha pagato la volonta’ di provarci sino alla fine, una grinta e cattiveria agonistica che vorremmo vedere sempre. Ha avuto un suo perché anche incontrare un avversario di livello che ha giocato al calcio e lasciato giocare, cercando a sua volta, come noi, di superare taluni suoi limiti attuali. Su tutto ha pesato il coraggio delle scelte, sin dalla formazione iniziale con un ragazzino a gestire il centrocampo. Se sommiamo questa prestazione a quella nel derby che avremmo nettamente meritato di vincere, i segnali sono finalmente positivi. Nelle prossime capiremo se abbiamo definitivamente scollinato e pagato quel prezzo dovuto ad una rifondazione partita con due anni di ritardo.

Voto alla squadra: 7

Handa 6
Qualche spavento di troppo e una certa immobilita’ sul goal, oggi siamo tutti piu’ buoni.

D’ambrosio 6
Un sacco di corsa e di legnate con avversari difficili.

Vidic 6,5
Altra ottima partita, tempestivo nelle chiusure e senza fronzoli.

Ranocchia 5
Sarebbe stata una bella prestazione se non avessi buttato via quella palla facile in uscita che ci ha fatto prendere goal. A volte non capisco che ti prende, basterebbe un po’ di calma in piu’.

JJ 6
Oggi c’e’ piu’ da difendere che offendere e te la cavi abbastanza bene, a parte prendere una ammonizione gratis che ci mette nei casini per la prossima.

Hernanes 7
Gran goal e alcune altre buone giocate, soprattutto quando non vuoi strafare. Cali nella prima parte del secondo tempo per poi riprenderti alla grande nel finale da mediano.

Guarin 6

Piu’ giudizioso e accorto del solito

 

Gnoukouri 6
Personalita’ o incoscienza da adolescente? bei numeri comunque.

Brozovic 6
Un sacco di corsa, manca un pochino di qualita’ ma il peso a centrocampo si sente.

Kovacic 7
20 minuti da stropicciarsi gli occhi, tra assist e recuperi fondamentali in un ruolo che nessuno pensava potessi ricoprire.

Shaqiri 6
Scossa, anche se ancora un po’ arruffato e confusionario

Palacio 7
Mancato solo il goal, per il resto tanto di cappello

Icardi 6,5
In una partita dove ti beccavi l’insufficienza netta, alla fine pero’ fai un goal dei tuoi. Che dire? Il giocatore che piu’ divide la tifoseria forse ci mettera’ tutti d’accordo, prima o poi…

Podolski 6
Di far goal non se ne parla, pero’ l’assist per il goal vittoria e’ un capolavoro.

Mancini 7
Una partita che spiega perche’ una grossa parte di noi ama te e non quello della mortadella.

Inter-Milan 0-0, vorrei ma non posso.

derby

Temporada 14/15, (Apr 19)

 42

 Il match

In estrema sintesi, dopo una decina di minuti promettenti con loro tutti dietro ad aspettare per ripartire, vengono al pettine i problemi e le assenze di centrocampo. La fascia destra diventa una prateria, troppo aperta da coprire ad ogni cambio gioco, con tre centrocampisti di cui uno e’ Mateo che non aiuta sempre, con JJ che soffre a sua volta. l’altra mezzala e’ lo sconosciuto Gnoukouri,  un “quasi” esordiente alla bisogna. Per miracolo non siamo sotto in un primo tempo nel quale anche quando abbiamo fatto possesso palla comunque siamo stati  innocui. Hernanes vagabonda intanto per il campo senza un vero perche’. Urgerebbe qualche correttivo quantomeno tattico, penso, il campo troppo ampio, suggerirebbe il passaggio ad altro schema, non fosse che le caratteristiche di quelli in gioco non lo fanno sembrare facile. Ovviamente il nostro allenatore ne sa molto piu` di me e insiste nonostante le difficolta`.

Infatti il meglio e` nel  secondo tempo, quasi in modo inaspettato, dove nonostante un miliardo di appoggi sbagliati,  il gioco slegato ed una certa tendenza all’individualismo facciamo un venti minuti robusti dove manca solo il goal. Se poi Palacio colpisce il portiere da zero metri e non ti danno i rigori solari, lo zero a zero e’ impacchettato. A conti fatti, a vederle tutte e due, Milano oggi e’ la sagra del vorrei ma non posso.

Voto alla squadra: 6

Handa 6,5

Un paio di buoni interventi

D’ambrosio 5,5

Anche quando i tempi di gioco son giusti, la zampa non e’ adatta al cross

Vidic 6

Solido.

Ranocchia 6

Buona partita, Menez gira abbastanza al largo e tu te la cavi bene

JJ 5,5

Primo tempo a soffrire, continua la ricerca della felicita’ sulla fascia sinistra.

Medel 6

Solito, nella media, vediamo se e’ vero che non possiamo fare a meno di te nella prossima.

Hernanes 6

Tanta volonta’, alcune buone giocate e valanghe di imprecisione, sembri Guarin.

Gnoukouri 6

Beh a pallone ci puoi giocare, promettente.

Kovacic 6

Non grandi cose, qualche sbavatura di troppo e sofferenza quando devi aiutare e coprire. Sei di stima e per un paio di giocate delle tue. Devi “solo” capire quando forzare la giocata, quando andare e quando fermarti, poca roba insomma…

 Shaqiri 6

Mirabile modo di calciare gli angoli.

Palacio 6,5

Che fai, torni in forma ora che non serve?

 Icardi 6

Movimenti e sponde, e’ questo che volevamo vedere no? Ma mo’ chi la butta dentro?

 Obi 6

Grinta, bene.

Mancini 6

Per il coraggio nel lanciare un giovane, e nel tentare di vincere sino alla fine fedele a un’idea di gioco e proattivita`.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: